“Sto bene banco”

Avete presente il gioco del sette e mezzo? C’è un avvenimento che capita sempre nella giocata #igniorante: prima carta che ti viene data, Asso, sei costretto a chiamare e le possibilità di sballare sono ridotte all’osso. Puntualmente come seconda carta esce il 7: l’unica carta che ti fa perdere i soldi giocati. “Asso chiamm a 7“: è…

Continua a leggere

Chell chell chell è!

È l’accaduto e il suo motivo insieme. La Reason Why di qualsiasi controversia. Tra le arringhe di Ghedini, Bocassini, Cantone, è presente il bimsalabim capace di far diventare qualsiasi frode l’atto più ingenuo, inevitabile, casuale: è consuetudine. La mozzarella d’estate è più buona, d’inverno invece il clima la stordisce: “chell chell chell è” incalza dall’altra…

Continua a leggere

“L’asciuta nosta l’amma fatt”. La vera storia de La Parlata Igniorante

Era un caldo pomeriggio di inizio estate – ops “stagione” – al Parco Virgiliano di Posillipo. Napoli come al solito era incantevole vista da li. Il tramonto  congedava il giorno e ci regalava una nuova serata, ma Nisida era ancora illuminata  dal sole e il profumo del mare, calmo e azzurro  (azzurro perché osservato da lontano, sia…

Continua a leggere

A Capodanno che se fa?

Sarà perché il Capodanno è il primo giorno dell’anno, ma da noi #ignioranti viene spesso confuso con il principio primo dell’Universo. È l’argomento degli argomenti,  trend topic da quando il passariello di Twitter era ancora nell’uovo. In quei pochi giorni che ci accompagnano più o meno dal ferragosto fino alle 23:59 del 31 dicembre tutta la…

Continua a leggere

A polacca mia è ucraina

“Ucraini e russi sono lo stesso popolo” ha dichiarato Putin nel suo terzo viaggio in Crimea. Non si è fatta attendere la risposta di Poroshenko: “Visite come queste sono una sfida al mondo civilizzato”. Per evitare un scontro diplomatico anche in terra nostra, noi #ignioranti ci siamo mossi d’anticipo per capire se anche polacchi e…

Continua a leggere